Il tempo che resta

Con un meccanismo a ritroso già applicato da Ozon in Cinqueperdue, per riferire la fine di una storia d’amore, ne Il tempo che resta è la vita di un uomo a procedere all’indietro fino all’infanzia, fino al punto zero in cui vita e morte coincidono e si annullano. Questa volta è la fine di una vita a venire esibita con un sapiente equilibrio dal regista francese. Il suo cinema, coerente alla sua poetica mortifera, non cede a soluzioni ricattatorie da consunzione melò, né tantomeno degenera in una indifferente insensibilità. La morte prossima di Romain è un fatto privato che si traduce in gesti carichi di emotività, perché sono gli ultimi e perché guariscono l’anaffettività del personaggio: la carezza al padre, l’abbandono sul petto della nonna, le foto scattate di nascosto alla sorella. Il volto di Romain, interpretato da un impenetrabile e patito Melvil Poupaud, “il ragazzo delle tre ragazze” di Eric Rohmer, ribadisce la frontalità del cinema di Ozon. Un attacco diretto che in Le temps qui reste si fa addirittura letterale: i primi piani dominano sui totali fino all’ultima sequenza dove è sempre il mare a “rubare” la vita, quella di Romain come quella del marito di Charlotte Rampling in Sotto la sabbia. Su un campo lungo finale e sostenuto si spegne il sole, in primissimo piano la vita (Marzia Gandolfi, www.mymovies.it)

Proiezioni ore 19 e 21,30 di giovedì 19 febbraio al Cinema Grande di Altamura.

Il tempo che resta

 

Anno: 2005
Titolo Originale: Le temps qui reste
Durata: 78′
Nazione: FRANCIA
Genere: DRAMMATICO
Produzione: OLIVIER DELBOSC E MARC MISSONNIER PER FIDELITE’ PRODUCTIONS, FRANCE 2 CINEMA
Distribuzione: TEODORA FILM (2006)
Regia: François Ozon
Attori: Valeria Bruni Tedeschi, Jeanne Moreau, Melvil Poupaud, Daniel Duval, Marie Rivière, Christian Sengewald, Louise-Anne Hippeau
Soggetto: François Ozon
Sceneggiatura: François Ozon
Fotografia: Jeanne Lapoirie
Montaggio: Monica Coleman, Katia Wyszkop

Trama: Romain è un fotografo trentenne. Eseguite delle analisi, un medico lo pone di fronte alla verità: è affetto da una malattia incurabile e gli restano solo pochi mesi di vita. Una notizia simile provoca sgomento, disperazione, ma è anche l’unica e ultima possibilità di diventare migliori, riconciliarsi con il prossimo ed essere finalmente sereni…

Annunci

~ di jakpae su 18 febbraio, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: