Tony Manero

“Ci voleva un cileno nato nel 1976, tre anni dopo il golpe che abbatté Allende, per trasformare il più famoso musical degli anni 70 in un horror sociale, ovvero in una strepitosa metafora della dittatura e dei rapporti fra il centro e la periferia dell’impero. Condotta senza mai salire in cattedra, ma con un senso così solido (e sordido) del quotidiano che ogni dettaglio parla. Mangiare, ballare, arredare la sua pseudo-discoteca, uccidere. Per Raul Tony Manero non fa differenza. Dietro questa piccola storia ignobile c’è’ una grande Storia, ancora più orribile, che non è ancora finita. Pablo Larrain è solo al suo secondo film. Con questa ha vinto a Torino. Aspettiamo fin d’ora il prossimo.” (Fabio Ferzetti, ‘Il Messaggero’, 16 gennaio 2009)

Proiezioni ore 19.00 e 21.30 di giovedì 12 marzo al Cinema Grande di Altamura.

Tony Manero

Anno: 2008
Durata: 98′
Nazione: CILE, BRASILE
Genere: DRAMMATICO
Produzione: FABULA PRODUCTIONS, PRODIGITAL
Distribuzione: RIPLEY’S FILM (2009)

Regia: Pablo Larraín
Attori: Alfredo Castro, Amparo Noguera, Héctor Morales, Paola Lattus, Elsa Poblete
Sceneggiatura: Pablo Larraín, Alfredo Castro, Mateo Iribarren
Fotografia: Sergio Armstrong
Musiche: Frecuencia Mod, José Alfredo, Juan Cristóbal Meza, The Bee Gees
Montaggio: Andrea Chignoli
Scenografia: Ruth Orellana

Trama Santiago del Cile, 1979. Nonostante il difficile contesto sociale creato dalla dittatura di Pinochet, Raùl Peralta è ossessionato da Tony Manero, il personaggio interpretato da John Travolta nel film ‘La febbre del sabato sera’, a cui ad ogni costo vuole assomigliare. Raùl mette in scena uno spettacolo di danza in un locale di periferia e ogni sabato sera, imitando il suo idolo, dà libero sfogo alla sua passione per la disco-music. Vuole anche partecipare ad un concorso per animatori promosso da una trasmissione televisiva nella speranza che per lui sia l’occasione di diventare una star del mondo dello spettacolo. Nel desiderio di riprodurre l’atmosfera del film e ogni particolare del costume di Tony Manero, Raul diventa capace di ogni crimine. Intanto, intorno a lui, i suoi compagni di ballo sono controllati dalla polizia segreta. Il film in sostanza parla della ricerca e della perdita di identità nella storia recente del Cile.

Advertisements

~ di jakpae su 11 marzo, 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: