Manifesto

Il cineforum Rythmus, affiliato alla FIC (Federazione Italiana Cineforum, cui organo di stampa è il periodico “Cineforum”) nasce con l’obiettivo di uscire dai meccanismi dello spettacolo, che tende ad ingombrare lo spazio di un’arte libera, pura; nasce proprio dall’individuazione e preservazione di quest’arte autentica, che si manifesta in luoghi e tempi imprevisti, ancora, miracolosamente. E’ il caso di film come Gerry di Gus Van Sant, capolavori del tutto ignorati dalla distribuzione recente, e da noi inseguiti tenacemente e infine raggiunti, fatti vivere anche qui, rompendo l’equilibrio, squilibrio del mercato, in nome del ritmo dell’arte, quel rythmus (dal tedesco) che per l’avanguardia storica, per il cinema astratto tedesco degli anni ’20, era il mistico valore che contemplava e scandiva lo spirito dell’universo: questi film erano una riproduzione meravigliosa, meravigliata, una simulazione di questo ritmo che scandisce misteriosamente la vita delle cose, per trascendere, per andare oltre i limiti di un’esistenza puramente biologica, affermando il connubio di Arte e Verità. Il nostro è uno sguardo libero, che infrange i confini e propizia la commistione delle arti, verso il visibilio, l’armonia o lo stridore, il contrappunto o l’analogia. Ci interessa l’arte tradizionale nella misura in cui essa contiene il germe della massima modernità, e l’arte più moderna, “rivoluzionaria” nella misura in cui ha dentro l’ostinato sguardo alle origini.
Concretamente sono previste proiezioni di grandi classici del cinema, come ad esempio, L’Atalante di Jean Vigo, nella versione restaurata, o I racconti della luna pallida d’agosto di Mizoguchi, passando attraverso le varie scuole cinematografiche del secolo – dall’avanguardia al neorealismo, alla nouvelle vague – e di capolavori della cinematografia contemporanea, per lo più inediti in Italia, quindi in versione originale e sottotitolati in italiano; ancora, retrospettive complete e seminari tenuti da docenti e ricercatori dell’Università di Bari, incontri con registi e artisti disparati, pubblicazioni, anteprime letterarie e cinematografiche, installazioni video e musicali: tutti frammenti di un umanesimo resistente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: